Mirandola, 10 biglietti per lo spettacolo theKITCHENtheory

Mirandola, 10 biglietti per lo spettacolo theKITCHENtheory

27 feb 19
/
Dalle 21.00 - alle 23.00
Auditorium Rita Levi Montalcini
Via 29 Maggio,.4 - 41037 Mirandola (MO)

Informazioni

Con lo spettacolo di danza contemporanea theKITCHENtheory della DaCru Dance Company ideato e diretto da Marisa Ragazzo, continua mercoledì prossimo 27 febbraio alle ore 21.00 la Stagione 2018/2019 dell’Auditorium Rita Levi Montalcini di Mirandola, curata da ATER Associazione Teatrale Emilia Romagna. Costo del biglietto intero 15 euro, ridotto 12 euro.

La Gazzetta di Modena mette a disposizione dei lettori iscritti a Noi Gazzetta 10 biglietti omaggio per assistere allo spettacolo

Prenotarli è molto semplice basta cliccare qui sopra sul pulsante OTTIENI I BIGLIETTI riceverete via mail un tagliando da stampare e consegnare alla cassa dove vi verrà assegnato il posto in sala.

ATTENZIONE. Qualora in seguito alla prenotazione siate impossibilitati a partecipare all'evento, ricordiamo che è possibile annullare la prenotazione. In questo modo si potrà permettere a chi fosse interessato di partecipare. Grazie

LO SPETTACOLO

La cucina: il primo luogo da raggiungere al mattino e l’ultimo da visitare prima di andare a dormire. Una zona di transito vivace o solitaria ma sempre e comunque piena di odori, ricordi, sensazioni, attese e infiniti stati sospesi. Dura tutta la vita questa relazione densa e profumata fatta di rumori fluidi e familiari, di spazi imparati a memoria e su ogni cosa, potenti come sovrane, regnano le parole. La stanza delle parole: escono dalla bocca come dervisci rotanti, capaci di schivare, sfiorando dolcemente o conficcarsi come lame. Restano lì sospese per anni, quasi diventano un’ eredità, aleggiano in ogni pertugio e sovente sono le memorie delle famiglie. La cucina è l’area prescelta per affondare i denti e i sensi in preziosi nutrimenti ma soprattutto è lo spazio dove si parla.

Parole. Parole. Un fiume in piena, ognuna diversa dall’altra, lunghe ed elastiche come alghe o rigide e appuntite, si impossessano della bocca per urlare l’ incomprensione o la denuncia della solitudine o parlare dell’amore. Numerose come chicchi di riso, necessarie tutte per dire in mille modi la stessa cosa e troppo poche per riuscirci. Al linguaggio tecnico dei danzatori, pulito ed estremamente virtuoso, si affianca una forza interpretativa e scenica, umana, comunicativa ed emozionante.

E' un racconto teatrale. Le danze urbane difficilmente, per loro stessa natura, trovano una collocazione immediata sul palcoscenico: quest'opera, così come tutte le produzioni della compagnia, tende a sottolineare e a dimostrare quanto, oggi, il suo linguaggio sia in costante evoluzione fino al punto da diventare comprensibile, fruibile, drammaturgica, emozionante e onirica, e di fatto fortemente legata al teatro.

Location

Privacy

GEDI News Network SpA - Via Ernesto Lugaro n. 15 - 00126 Torino - P.I. 01578251009 - Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. E' espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.