LE FRONTIERE DELLA SALUTE

LE FRONTIERE DELLA SALUTE

23 gen 20
/
Dalle 17.30 - alle 19.30
Stazione Marittima - Sala Saturnia
Piazzale Marinai d'Italia - 34100 Trieste (TS)

Informazioni

Che cosa ci riserverà la medicina nei prossimi anni? Quali solo le frontiere alla portata dell'uomo e quali traguardi invece resteranno ancora distanti? Le cure continueranno a fare progressi? Quali speranze ci sono nella battaglia contro i tumori e le malattie neurodegenerative? Al di là della scienza come possiamo tutelare la nostra salute? Il nostro stile di vita è sostenibile?

Per aiutare la riflessione e provare a offrire qualche risposta sul palco della Sala Saturnia nella Stazione Marittima di Trieste salirannoRoberto Dipiazza (Sindaco Città di Trieste), Roberto Di Lenarda (Rettore dell’Università degli Studi di Trieste), Michela Flaborea (Presidente e Amministratore Delegato Televita Spa), Mauro Giacca (Professore di Scienze cardiologiche al King’s College di Londra e all’Università degli Studi di Trieste), Margherita Granbassi (Campionessa del mondo di scherma, medaglia olimpica e conduttrice televisiva), Sergio Paoletti (Presidente Area Science Park), Riccardo Riccardi (Assessore alla sanità Regione Friuli Venezia Giulia), Renzo Simonato (Direttore Regionale Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige Intesa Sanpaolo), Gianfranco Sinagra (Direttore Struttura Complessa Cardiologia dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste), Roberto Speranza (Ministro della Salute) 

Moderano: Alberto Bollis (Vicedirettore
de Il Piccolo), Enrico Grazioli (Direttore de Il Piccolo), Maurizio Molinari (Direttore de La Stampa e direttore editoriale quotidiani Gedi News Network), Luca Ubaldeschi (Direttore Il Secolo XIX e responsabile editoriale Tour Innovazione Gedi News Network)

Location

GEDI News Network SpA - Via Ernesto Lugaro n. 15 - 00126 Torino - P.I. 01578251009 - Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.