Riccardo Rossi in "Viva le donne" a Cento
20 marzo 2019

Riccardo Rossi in "Viva le donne" a Cento

Reggio Iniziative Culturali presenta
Riccardo Rossin in
VIVA LE DONNE

di Riccardo Rossi e Alberto Di Risio

regia di Cristiano D’Alisera

La donna è la prima persona che conosciamo al mondo! Maschi o femmine è uguale: è sempre lei il nostro primo incontro. Ma se le bambine crescendo diverranno sempre più “colleghe” della madre (prima o poi faranno un figlio anche loro) i maschi si ritroveranno per tutta la vita a fare i conti con quell’essere che li ha generati. Ma i ruoli nel corso degli anni cambieranno, dopo la madre conosceranno la tata, la sorella, la nonna, la prima amichetta, la maestra, la fidanzata importante, la moglie, la figlia, la ex moglie, che si svelerà essere un’altra persona, poi la seconda moglie e si spera l’ultima, e così via, senza dimenticare ovviamente la più temuta:
la suocera!

Riccardo Rossi ci racconterà tutti i dettagli di questo viaggio con la piena consapevolezza della loro schiacciante superiorità. Anche perché come diceva Groucho Marx: “Gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta…”

Maurizio Micheli e Iaia Forte in "Tempi nuovi"
22 marzo 2019

Maurizio Micheli e Iaia Forte in "Tempi nuovi"

"Tempi nuovi" mette in scena un nucleo familiare investito dai cambiamenti veloci e sorprendenti della nostra epoca legati all'elettronica, ai mestieri, ai saperi e alle nuove relazioni, rappresenta il terremoto che sconvolgerà comicamente la vita dei quattro protagonisti. Giuseppe è uno storico che vive circondato da migliaia di libri, il figlio Antonio vola invece leggero nella sua epoca fatta di collegamenti rapidi e senza legami col passato, Sabina è la moglie di Giuseppe, una giornalista che ha seguito un corso di aggiornamento sull'elettronica per non essere sbattuta fuori dal giornale in cui lavora, e Clementina è la figlia maggiore della coppia che vive fuori casa. Giuseppe non vuole essere l'unico a portare tutto il peso del passato e della Storia: "Volevate fare faticare solo me, portare tutto il peso di quegli oggetti con le pagine? Mentre voi tranquilli, leggeri, veloci, giovani... No, non ci sto!", ed ecco che a farsi strada sarà un grande colpo di scena.

Paolo Crepet in Passione
22 marzo 2019

Paolo Crepet in Passione

PAOLO CREPET
"Passione"

con
Dino De Palma – violino
Claudia D’Ippolito – pianoforte
musiche Chopin, Debussy, Giordano, Brahms, Saint-Saëns, Sarasate

Viviamo in un’epoca senza passione?
Non si può vivere e pensare al futuro senza passione, e l’unico modo per non arrendersi a questa perdita è invocarla, provocarla, raccontarla. E’ un inventario di pensieri, storie, riflessioni che girano attorno a questa parola sacra. L’ho scritto attingendo dalla mia esperienza professionale, da quelle della mia vita, dalle persone che ho incontrato.
Credo sia fondamentale spiegare ai giovani che cosa significa la passione oggi. Temo infatti che le nuove tecnologie digitali funzionino come un magnifico rallentatore che rende tutto possibile e fattibile senza sforzo. Ma il problema è che la passione è, per definizione, uno sforzo immenso, anzi è una sfida che permette di poter sperare, di migliorarsi, di sognare, di avere una visione. Non si può parlare di passione senza dare degli esempi. Di gente appassionata, ovviamente.
Persone che ci insegnano che la passione si basa sulla testardaggine, sulla cocciutaggine e sulla libertà. Ci insegnano che la passione è un traghetto meraviglioso che riesce a portare verso la speranza di una vita stupefacente. Non è un viaggio facile, non è nemmeno per tutti, ma solo per i più coraggiosi.  (Paolo Crepet)

La Vedova allegra ad Argenta
28 marzo 2019

La Vedova allegra ad Argenta

COMPAGNIA D’OPERETTE ELENA D’ANGELO
La vedova allegra

Operetta in tre atti
di Victor Léon e Leo Stein
musiche Franz Lehár
con Elena D’Angelo, Matteo Mazzoli, Francesco Tuppo, Gianfranco Cerreto
e con Orchestra Vivaldi

Le finanze del Pontevedro sono in grave pericolo: solo Anna, ricca vedova del banchiere Glawari, sposando un pontevedrino in seconde nozze potrebbe risanare le casse dello Stato. Il barone Zeta, ambasciatore pontevedrino a Parigi, approfitta di una festa in ambasciata per far incontrare Anna e Danilo: forse l’antica fiamma potrebbe riaccendersi…
Fondata nel 2014, la Compagnia di Operette Elena D’Angelo ha già ottenuto larghi consensi in importanti teatri italiani grazie a produzioni particolarmente curate, nel rispetto della filologia dello spettacolo, ma con una particolare attenzione al gusto del pubblico di oggi. Eleganti allestimenti, l’uso della musica dal vivo, la presenza di un corpo di ballo formato da sei ballerini, quattordici artisti professionisti e quattordici orchestrali per uno spettacolo scintillante e ricco di emozioni!


Paolo Cevoli in Rossini compilation
3 aprile 2019

Paolo Cevoli in Rossini compilation

ROSSINI COMPILATION
per patacca narrante e 4 sax


1868 : Muore Gioacchino Rossini. Un genio della musica. Tutti lo chiamavano il “Cigno di Pesaro” ma alcuni dicono che lui preferisse il “Cinghiale di Lugo”. Lugo di Romagna.
2018 : 150 anni dopo, un patacca romagnolo DOC, non di Lugo ma di Riccione, racconta in maniera semiseria la vita e le opere di questo grande musicista e del mondo dell’Opera quando l’Italia era il paese del “Bel Canto”.
Paolo Cevoli e il Quartetto Saxofollia, per la prima volta insieme sul palco, danno vita ad uno spettacolo divertente e frizzante incentrato sulla figura di Gioacchino Rossini.

Dado Moroni & friends a Cento
5 aprile 2019

Dado Moroni & friends a Cento

DADO MORONI & FRIENDS

in collaborazione con Cento Jazz Club

Dado Moroni, nato a Genova, è uno dei pianisti jazz italiani più richiesti in Europa e in America. Debutta a 17 anni con Tullio de Piscopo e Franco Ambrosetti, con il quale ancora oggi collabora. Nel 1987 è chiamato, unico europeo, insieme ai pianisti Hank Jones, Barry Harris e Roland Hanna, a far parte della giuria del premio internazionale pianistico Thelonious Monk, svoltosi a Washington. Nel 1988 effettua un’importante tournée in sette paesi africani con il sestetto di Alvin Queen per conto del Dipartimento di Stato americano. Collabora quindi con Clark Terry e George Robert alla tournée mondiale organizzata dal governo svizzero per la celebrazione del settimo centenario della Confederazione Elvetica. Nel periodo luglio-novembre 1991 il gruppo si esibisce in diversi paesi del mondo, riscuotendo grande successo e il consenso della critica internazionale. Con il pianista classico Antonio Ballista dà vita nel 1995, con il Patrocinio di “Ferrara Musica”, al progetto “Two Pianos Cine Soul”, ottenendo notevole successo in vari teatri nazionali e internazionali. Nel 1995 partecipa a un’incisione per l’etichetta discografica America Concorde e a un’importante tournée in Giappone. A tutt’oggi ha inciso oltre cinquanta cd per importanti etichette discografiche quali Sony Concorde, Contemporary Telarc Mons, TCB Record, Enja. Nel corso della sua carriera ha collaborato con Dizzy Gillespie, Ron Carter, Ray Brown, Wynton Marsalis, Joe Henderson, Tom Harrell, Billie Higgins, Kenny Barron, Mulgrew Miller. È l’unico pianista italiano ad essere stato richiesto dal compianto Ray Brown per un disco ormai storicamente importante, Some of my best friends are… the piano players, che il grande bassista ha registrato con alcuni tra i più famosi pianisti del mondo.

Killer Queen tribute band ad Argenta
14 aprile 2019

Killer Queen tribute band ad Argenta

"Killer Queen"

Official Italian Queen Performers

I Killer Queen sono la prima cover band dei Queen in Europa. Nati ventuno anni fa dall’unione di alcuni tra i migliori musicisti dell’area fiorentina, essi diventano da subito punto di riferimento per i fans italiani del celebre gruppo, tanto da essere riconosciuti da ‘We Will Rock You’ (official italian Queen fans club) come ‘tribute band ufficiale’ per l’Italia.
Da allora sono stati più di 650 i concerti, in Italia ed Europa, oltre alle decine di raduni organizzati. I Killer Queen propongono da sempre una propria “filosofia” di tributo, incentrata non tanto sulla somiglianza fisica, quanto sulla passione e sulla qualità del repertorio e dello spettacolo proposto. Scelta molto apprezzata dai fans, che ha totalmente contraddistinto questo gruppo negli anni da ogni altro tributo alla storica band e della quale vanno fieri.
Lo spettacolo è incentrato sull’esecuzione live di un vasto e sempre aggiornato repertorio di musica dei Queen, arricchito dall’interazione con svariati videoclips che rendono lo show di grande impatto.
Dal 2012 il legame con il mondo Queen si fa più stretto, quando il gruppo viene invitato a suonare come band di Kerry Ellis e successivamente ingaggiato per suonare all’Arena di Verona come band di supporto a Brian May, chitarrista e cofondatore dei Queen.

La buona novella
3 maggio 2019

La buona novella

LA BUONA NOVELLA
ed altre storie d'amore e di protesta

Filarmonica di Tresigallo | Coro Università di Ferrara
 
«Quando scrissi “La buona novella” era il 1969, in piena lotta studentesca, e le persone meno attente - che sono poi sempre la maggioranza di noi - compagni, amici, coetanei, considerarono quel disco come anacronistico. Mi dicevano: “Ma come? Noi andiamo a lottare nelle università e fuori dalle università contro abusi e soprusi e tu invece ci vieni a raccontare la storia - che peraltro già conosciamo - della predicazione di Gesù Cristo.” Non avevano capito che in effetti La Buona Novella voleva essere un’allegoria - era una allegoria - che si precisava nel paragone fra le istanze migliori e più sensate della rivolta del ‘68 e istanze, da un punto di vista spirituale sicuramente più elevate ma da un punto di vista etico sociale direi molto simili, che un signore 1969 anni prima aveva fatto contro gli abusi del potere, contro i soprusi dell’autorità, in nome di un egalitarismo e di una fratellanza universali. Si chiamava Gesù di Nazaret, rimasto il più grande rivoluzionario di tutti i tempi»
Fabrizio De Andrè

GEDI News Network SpA - Via Ernesto Lugaro n. 15 - 00126 Torino - P.I. 01578251009 - Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.