“Assenza, più acuta presenza” è il titolo di quest'anno: «Viene dall'incipit di una poesia di Attilio Bertolucci – spiega il curatore Roberto Figazzolo – e ci dice che quando qualcosa ci è indifferente non ne sentiamo l’assenza e viceversa. Appunto, dell’assenza è più forte la presenza».