Visita alla tenuta e all'azienda Conte Vistarino

Visita alla tenuta e all'azienda Conte Vistarino

07 dic 18
/
Dalle 15.00 - alle 16.30
Azienda agricola Conte Vistarino
località Villa Fornace - 27040 Rocca de' Giorgi (PV)

Informazioni

Appuntamento a Rocca de Giorgi (località Villa Fornace, accanto municipio): il ritrovo è nel posteggio della Cantina di fronte alla tenuta


Proprietaria dalla metà del XV secolo di un’ampia tenuta  nel comune di Rocca de’ Giorgi in Oltrepo Pavese, la famiglia Giorgi di Vistarino ha contribuito a definire, nel tempo, il  legame tra viticoltura e territorio in  un’oasi incontaminata di grande interesse paesaggistico e faunistico.Da Augusto Carlo Giorgi di Vistarino, che per primo – alla fine dell’800 – avviò in Oltrepo la coltivazione del Pinot Nero, ai successori Ottaviano e Carlo, sino ad arrivare alla più recente generazione rappresentata oggi da Ottavia Giorgi di Vistarino, continua a rimanere identica la volontà di perseguire la qualità . La proprietà si estende per oltre 826 ettari di cui 200 vitati, tutti iscritti all’Albo della DOC Oltrepo Pavese e coltivati a Pinot Nero, Riesling Renano, Pinot Grigio, Moscato, Croatina e Barbera. Dalla fine dell’Ottocento l’Oltrepo è sinonimo di Pinot nero sia perché vanta la maggiore estensione in Italia riservata al vitigno Borgognone, sia per la riconosciuta superiore vocazione a quest’uva di alcune zone, tra cui l’area di Rocca de’ Giorgi e la Valle Scuropasso che ospita l'azienda agricola. Una zona dove il Pinot nero, spumantizzato o vinificato in rosso, è da sempre oggetto di speciali attenzioni, trattato come un vitigno di casa, anche se è la più nobile delle varietà internazionali. La canina dell'azienda, da poco ristrutturata con una progettazione d'avanguardia, è dicentata la Casa del Pinot nero

Location

GEDI News Network SpA - Via Ernesto Lugaro n. 15 - 00126 Torino - P.I. 01578251009 - Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.