Palazzo Zuckermann - Il Museo Bottacin

Palazzo Zuckermann - Il Museo Bottacin

27 set 18
/
Dalle 18.00 - alle 18.45
Palazzo Zuckermann
corso Garibaldi, 33 - 35137 Padova (PD)

Informazioni

Con Noi il mattino di Padova, una visita guidata a cura dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova-Musei Civici di Padova ed entriamo nel palazzo che conserva un numero infinito di pezzi di valore.

Celebre per le sue ricchissime raccolte numismatiche, il Museo venne istituito tra il 1865 e il 1870 grazie al lascito di Nicola Bottacin, che donò alla Città di Padova tutte le collezioni che aveva raccolto  nel corso dei suoi viaggi d’affari o commissionato agli artisti più in voga nella secondà metà metà dell’800  per la sua dimora triestina.

Il Museo, ricco di oltre 100.000 monete, medaglie e sigilli, vanta una delle più importanti collezioni numismatiche in Europa. Solo una piccola parte di questo immenso patrimonio è  visibile nell’esposizione numismatica  dedicata alla storia e alla funzione della moneta. Tra i pezzi esposti, alcune monete venetiche (IV-II secolo, a.C.), rarissimi medaglioni romani degli Imperatori Adriano, Settimio Severo e Massenzio,  un tremisse longobardo di Aistolfo, numerose monete appartenti alla ricca serie veneziana del Museo, una delle più complete al mondo.
Il valore  storico di queste collezioni rende il Museo Bottacin anche sede di studio molto rinomata a livello mondiale.
Nel corso degli anni il Museo Bottacin si è andato caratterizzando soprattutto come centro di studi numismatici noto in tutto il mondo, a tale scopo si avvale della ricca Biblioteca che, fra quelle specializzate, è una delle più importanti d'Europa.
Il museo inoltre possiede una importante collezione d'arte moderna, costituita da sculture e pitture ottocentesche (opere di Induno, Querena e Vela), testimonianza del gusto imperante nella commitenza borghese  del XIX secolo.


Gli sponsor

aspiag
argos

Location

Privacy

GEDI News Network SpA - Via Ernesto Lugaro n. 15 - 00126 Torino - P.I. 01578251009 - Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.

I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. E' espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.